1.jpg
c4d22c521fb22cf0857dae040fbebd0e.jpg
4c3f92f800115c38d4eb047283c1a3dc.jpg
d59891d70ee3fdca3da13fe51c9b7e18.jpg
fca1aa2d099aa29f7dab562fd0f99e67.jpg
f0aa2b51112fecc691e7a3b7efced807.jpg
fa3aa07748fbc63f23a47257479a13bc.jpg
06 Jun

La Storia Della Pizza

Published in Un Posto Al Sole 06 Jun 2013
Rate this item
(0 votes)
La Storia Della Pizza

La Storia della Pizza

La leggenda narra che la pizza più conosciuta al mondo, la pizza margherita, nacque nel 1889, quando il cuoco Raffaele Esposito, per onorare la regina d’Italia Margherita di Savoia, preparò tre tipi di pizze: la pizza Mastuncola con strutto, formaggio e basilico, la pizza alla Marinara con pomodoro, aglio, olio ed origano,ed infine la pizza con pomodoro e mozzarella, con pomodoro, olio, mozzarella ed origano, i cui colori richiamavano intenzionalmente la bandiera italiana.

La regina Margherita fu colpita dal gusto della pizza con pomodoro e mozzarella e volle congratularsi, tramite lettera scritta, con il cuoco, che dedicò la pizza così creata alla regina Margherita. Un’altra leggenda affonda invece le sue radici ai tempi degli dei dell’Olimpo. I protagonisti di questa leggenda sono Venere, la dea della bellezza e dell’amore, e suo marito, il gelosissimo e rude Vulcano, il dio fabbro, che stancatosi di lavorare nell’Etna, pensò bene di trasferirsi a lavorare sul Vesuvio per un breve periodo di tempo.

Un giorno si recò a casa per il pranzo, ma Venere, che in mattinata aveva ricevuto la visita di uno dei suoi tanti spasimanti, non aveva ancora preparato niente e così pensò bene di prendere un pezzo di pasta che aveva conservato, per farne una focaccia, appiattendola e guarnendola con il latte di capra, erbe aromatiche e bacche, che poi mise a cuocere su una roccia rovente appena uscita dal Vesuvio.

Tra i buongustai famosi, amanti di questo nobilissimo alimento, non si può non annoverare il principe della risata, Antonio De Curtis, in arte Totò.
Mitica la frase “Ti offro una bella pizza ... ce li hai i soldi?” del film Miseria e Nobiltà.
Totò amava soprattutto la pizza Margherita e la pizza Marinara e non era raro incontrarlo nelle numerosissime pizzerie di Napoli, in compagnia di Macario o di Nino Taranto.

Toto